Il labirinto del silenzio: fare i conti con l'abisso della Shoah



Lo capisce il procuratore generale, che crede nella causa, ma che non potrebbe assumerla in prima persona perché troppo implicato. Lo lascia capire anche il procuratore capo, non convinto del processo, che diverrà però figura chiave per cogliere le …

Articolo originale